+39 071 9156086

La nostra storia

"Più si riesce a guardare indietro, più avanti si riuscirà a vedere"

Winston Churchill

La nostra storia


  • .

    Gli inizi

    La Soft-Engine, presente nella scena motoristica già dai primi anni '90, esordisce con il suo primo prodotto nel 1994: il 2T BASE, un programma di simulazione per motori a 2 tempi.

    L'idea è dell'Ingegnere Gabriele Maria Serpilli che aveva studiato per sé, nell'ambito del suo precedente incarico nella progettazione motoristica, dei programmi di calcolo. Segue poi la brillante intuizione di renderli fruibili, “facili” e utilizzabili sul PC - che vedrà una divulgazione di massa di lì a poco. Dallo studio di Via IV novembre, nella cittadina marchigiana di Falconara Marittima (AN), nasce quest'azienda dedicata ai motori, e inizialmente ai SOFTware per motori-ENGINE.

    Da lì a pochi anni, la Soft-Engine realizza tanti altri programmi di simulazione grazie anche al prezioso lavoro di ingegneri brillanti e fedeli all'azienda.

    .
  • .

    I primi sviluppi

    Mai sono stati realizzati o si sono trovati in commercio, programmi che riguardassero il tema motoristico. Programmi “fatti in casa” dai tecnici o programmi di calcolo delle grandi aziende auto-motoristiche vengono custoditi con gelosia oppure presentano una incomunicabilità nei confronti degli utenti. Il software 2TBASE fornisce dati e simulazioni in tempo brevissimo, è utilizzabile sui PC ed è accessibile agli addetti ai lavori tanto quanto dagli studenti”. Cita così la rivista Moto Tecnica, in un articolo del 1994 che presenta il primo prodotto della Soft-Engine.

    Dal '93 al '97 vengono pubblicati circa 40 articoli dell'Ingegner Serpilli su Auto e Moto Tecnica e sull'omologa rivista francese Moto Technologie regalando grande diffusione dello studio e del lavoro della Soft-Engine in Italia e all'estero.

    .
  • .

    Banchi prova potenza

    In stretta collaborazione con i clienti, si inizia da subito la progettazione dell'elettronica e del software relativi ai banchi prova potenza. La metà degli anni '90 è caratterizzati dalla vendita di decine e decine di kit per banchi prova potenza.

    Nel 1995 si inizia la progettazione del banco prova potenza nella sua completezza, prima per moto e poi per auto. Le caratteristiche del banco prova Soft-Engine sono da subito quelle di una meccanica semplice ed affidabile affiancata da un'elettronica e software potenti e sofisticati.

    Si sviluppa anche il banco prova motore che riscuote un enorme successo nel mondo dei kart. I costruttori di motori per kart, tutti italiani, scelgono la Soft- Engine per testare i propri mezzi (Tm, Comer, Pcr) e la diffusione diventa capillare per tutti i kartisti italiani e non solo.

    .
  • .

    Nuova sede

    Intanto gli anni 2000 iniziano con importanti collaborazioni e partecipazioni alle più importanti fiere del settore, agli eventi della rivista “Motosprint” per prove comparate sui circuiti e poi sui banchi Soft-Engine. Si contano anche diverse partecipazioni ad eventi per auto nei circuiti di Imola, Vallelunga e Mugello.

    Nel 2002 c'è il trasferimento nella nuova sede di via del consorzio, sempre a Falconara M.ma. Vengono riunite la parte della progettazione e dello studio ingegneristico con la parte della produzione meccanica ed elettronica. Un passo importante per l'azienda, che ora può lavorare tutte le gamme di prodotto, così ampliatesi: software commerciali, banchi prova potenza, banchi prova motore, ecc.

    .
  • .

    Ricerca & Sviluppo

    Il reparto di Ricerca & Sviluppo Soft-Engine non si ferma mai. La ricerca e l'innovazione sono elementi distintivi dell'azienda e lo dimostrano i prodotti sempre innovativi ed in continuo aggiornamento.

    Il sistema Syncro, fu studiato con grande anticipo già nel 2003 e ancora oggi dà la possibilità di testare qualsiasi tipo di vettura grazie alla sincronizzazione degli assi. E' uno dei prodotti di punta nell'ambito dei banchi auto e, ad oggi, è la più collaudata e diffusa sul mercato. Il nome Syncro, dato dall'Ing. Serpilli, è diventato di dominio pubblico per definire il sistema di collegamento assi.

    Si sviluppa la modularità dei banchi prova potenza.  Quest'approccio ha permesso negli anni di costruire prodotti che potessero essere implementati in ogni momento: una importante scelta commerciale possibile solo grazie al lavoro minuzioso del nostro ufficio tecnico.

    .
  • .

    Estero

    La Soft-Engine deve la sua grande crescita anche al forte impatto che ha avuto sin da subito sul mercato estero e alla presenza sul web, con il primo sito in rete dal 1997.

    La Francia è una delle nazioni in cui la vendita dei vari prodotti è iniziata ed ancora oggi è il primo paese verso cui la Soft-Engine esporta maggiormente. Ogni nazione europea e ogni continente vantano più di un banco Soft-Engine sul proprio territorio ma le aree dove la diffusione dei suoi prodotti è più vasta sono, oltre all'Europa: Est Europa e Russia; in Asia, maggiormente Malesia e Taiwan; in America Latina soprattutto Perù, Ecuador, Cuba e in America del Nord Canada e Stati Uniti.  

    Fondamentale, all'epoca, fu la presenza a tutte le maggiori fiere di settore europee in ambito di auto, moto e kart.

    .
  • .

    Nuovi prodotti

    Si afferma in questi anni la scelta del monorullo, soluzione tecnica più efficiente e più sicura.

    Nel 2006 all'Eicma di Milano, fu presentata la gamma dei banchi sospensioni, prodotti sofisticati, ad elevata tecnologia venduti ai principali costruttori europei di sospensioni: Mupo, Gubellini, Hyperpro, Aircraft Suspension.

    Nel 2010 un altro importante prodotto va ad ampliare l'assortimento dell'azienda: il flussometro. Frutto di importanti studi, strettamente ad impronta motoristica, una vera e propria eccellenza che perfino l'Aprilia Racing – Reparto Corse ha richiesto alla Soft-Engine.

    In questi anni inizia lo studio dei banchi prova per motori elettrici, un settore in crescita e in sviluppo in differenti tipologie di mercato.

    .
  • .

    Nuove generazioni

    Anni di svolta per la Soft-Engine con l'assunzione di un team giovane e completo (nella divisione ingegneristica, di progettazione e nel reparto amministrativo).

    Una nuova importante figura entra a far parte dell'azienda: Caterina Serpilli, giovane figlia dell'Ing. Serpilli, laureata in Economia e Commercio con specializzazione in comunicazione e marketing. Caterina, proveniente da diverse esperienze lavorative, sviluppa, insieme al nuovo team, il potenziale di immagine e branding che la Soft-Engine ha. “La reputazione della Soft-Engine è stato un trampolino di lancio per un rebranding che rivoluzionerà l'impatto dell'azienda senza alterare i suoi punti di forza”.

    Nel 2018 e 2019 si è raggiunta la maggiore quota di banchi prova mai venduti, in crescita ogni anno. Una forte percentuale di prodotti è venduta all'estero, e la Soft-Engine diventa un brand internazionalmente riconosciuto.

    .
  • .

    Vision

    La qualità dei nostri prodotti ci ha reso forti e rispettati nell'ambiente motoristico. I nostri prodotti sono innovativi, competitivi e ne possediamo tutto il know-how.

    Non abbandoneremo mai questo orientamento al prodotto.

    Conosciamo i nostri clienti e le loro esigenze. Le loro passioni e i loro gusti. I loro nomi e le loro aziende.

    Non lasceremo mai che i nostri clienti diventino un numero.

    Abbiamo venduto in tutto il mondo ma vogliamo essere presenti in tutto il mondo, iniziando con l'Europa.

    Non smetteremo di crescere. 

LE ULTIME NEWS DAL BLOG


Benvenuti!